il giardino di darwin

Home » Senza categoria » Leggeri come le rondini

Leggeri come le rondini

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 2.760 follower

Bisogna essere leggeri come una rondine, non come una piuma, scriveva Paul Valery, ricordandoci il coraggio e l’eleganza concentrati negli appena 18 grammi di questo piccolo passeriforme: una proverbiale eleganza che fa delle rondini (il cui nome della specie è Hirundo rustica) formidabili migratori, instancabili divoratori d’insetti e ottimi indicatori dei cambiamenti climatici e ambientali che il nostro pianeta sta subendo.

E’ una specie che ci permette di studiare la moltitudine di fattori ambientali che l’uomo sta modificando, facendoci riflettere sulle preoccupanti conseguenze.

Animali da ammirare, le rondini, che d’inverno migrano verso il Sud Africa, coprendo fino a 11.000 km: attraversando in grandi stormi tutta l’Europa, costeggiando il deserto del Sahara fino ad arrivare, dopo circa 6 settimane di volo, nell’Africa meridionale da cui ripartono, a inizio marzo, per ritornare da noi, chiudono un grandioso circuito ecologico che unisce due emisferi e centinaia di popoli in un batter d’ali.

Questo ciclo biologico perdura da milioni di anni, ma negli ultimi decenni è entrato in crisi. Il numero delle rondini che tornano dall’Africa infatti diminuisce ogni anno in modo vertiginoso. Secondo i dati di Birdlife (organizzazione internazionale per la protezione degli uccelli), negli ultimi 10 anni, in Europa la popolazione delle rondini è calata del 25% rispetto al passato. Si è calcolato che dal 1970 ad oggi sono scomparse in Europa oltre 6 milioni di coppie.

Le cause di questa continua riduzione sono molteplici e vanno dalle profonde modifiche dell’ambiente agricolo ai cambiamenti climatici, fino all’uso eccessivo di pesticidi. Sono queste cause di natura antropica che hanno drasticamente ridotto la popolazione di un fantastico predatori d’insetti.

Approfondimenti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: